Amo vedere la mia casa piena di fiori, quei tocchi di colore mi ispirano e portano allegria. Solo una cosa mi dava fastidio, tagliare i fiori per metterli nei vasi. Di recente ho scoperto una soluzione perfetta, per coltivare piante da fiore in un contenitore d’acqua!

Mentre lo leggi… è del tutto possibile. Per completare una scoperta così bella possiamo sfruttare dei bellissimi contenitori in vetro e trasformare la vostra pianta in un oggetto decorativo. I tuoi fiori rimarranno belli senza bisogno di tagliarli.

Questa forma di coltivazione è ideale per le persone smemorate, le tue piante non si seccheranno più . Mantieni sempre l’acqua pulita, è all’inizio che dovresti prestare maggiore attenzione ad essa. Man mano che i nutrienti si dissolvono nell’acqua, vengono assorbiti più facilmente, favorendo la crescita.

 

1- Giacinto d’acqua

Conosciuto anche come camalote, si trova solitamente nelle pozze d’acqua. I suoi fiori sono bellissimi, una miscela di toni lilla che invitano al riposo. Affinché possa fiorire all’interno, dovrai aumentare gradualmente la temperatura, fino a quando non si trova nella sua posizione definitiva . Inizia in un luogo fresco e buio, metti la lampadina in un contenitore di vetro per 4 settimane. Quindi sposta la tua pianta in un luogo soleggiato a 13º, quando le sue foglie diventeranno verdi sarà pronta per l’ultimo trasferimento. Sposta il tuo vaso in un luogo caldo con temperature intorno ai 20º e fiorirà in modo spettacolare.

2- Tulipani

I suoi bellissimi colori ne fanno una pianta desiderata da tutti. Puoi iniziare la sua coltivazione in inverno, in questo modo la vedrai fiorire in primavera . Essendo una pianta super resistente, non dovresti preoccuparti della temperatura di quella stagione. Dovete trovare un recipiente cilindrico di vetro, permetterà allo stelo di non rompersi e di rimanere in posizione verticale. Lasciare il bulbo in frigo prima di trasferirlo nel contenitore, quindi riempire il fondo di sassi per separare il bulbo dall’acqua. Una questione importante è che alle radici piace l’acqua ma ai bulbi no, mettete poca acqua facendo attenzione che non superi i sassi e faccia marcire il bulbo.

3- Amaryllis

Una delle cose più interessanti di questa pianta è che la sua fioritura dura a lungo, permettendoci di goderne più a lungo la bellezza . È anche una pianta da bulbo, avrai bisogno di un fondo di pietre in modo che non tocchi l’acqua. Esistono appositi contenitori in vetro per bulbose, si restringono al collo permettendo di trattenere il bulbo senza bisogno che tocchi l’acqua. Quando hai poca acqua devi stare attento che non evapori e non si esaurisca.

4- Giacinto

I suoi fiori crescono in grappoli di colore variabile tra rosa, viola, bianco e giallo. Le sue foglie sono di colore verde brillante che avvolgono l’infiorescenza a forma di rosetta. Una meraviglia per gli occhi contemplare quel meraviglioso bouquet naturale. È anche bulboso, quindi riempie il fondo del bicchiere quel tanto che basta in modo che non tocchi l’acqua. Ricordarsi di lasciare l’acqua a riposo per 48 ore in modo che il cloro presente nell’acqua del rubinetto evapori. Se si dispone di un balcone, sarebbe interessante recuperare l’acqua piovana per l’irrigazione. 

5- Giglio della pace

I fiori di questa pianta ci ricordano le calle, ci sono favolosi colori variegati. Ha bellissime foglie verde brillante che daranno stile ai tuoi spazi. Questa pianta non è una pianta bulbosa, anche se avrai bisogno di pietre sul fondo per dare sostegno alle radici. Portalo in un luogo ombreggiato per le prime settimane e poi sposta il tuo vaso in un luogo con luce ma senza sole diretto. Per prenderti cura delle sue radici puoi ricoprire il fondo del tuo contenitore di vetro con un panno scuro, ti ringrazierà regalandoti una fioritura divina.