Cari giardinieri, state cercando di migliorare il vostro orto? Tieniti forte, perché abbiamo informazioni cruciali da rivelarti per un raccolto prospero e abbondante! Quindi, ecco i preziosi consigli di Laurent Courtade, giardiniere in Ariège: oltre a mantenere correttamente le tue piante, non trascurare l’aggiunta di fertilizzante organico per nutrirle in questo periodo dell’anno! Spiegazioni!

Che tu sia un principiante o un professionista del giardinaggio, il programma invernale è solitamente carico di trattamenti e potature, motivo per cui spesso ti ritrovi a non avere più tempo per prenderti cura del tuo orto prima della primavera. Se questo è il tuo caso, non temere! Segui i nostri consigli per un mese produttivo di  febbraio -marzo in giardino.

I nostri consigli per la cura dell’orto a febbraio e marzo 

Prenditi cura del tuo orto

Febbraio  e inizio marzo hanno la reputazione di essere imprevedibili per i giardinieri:

  • Le giornate si fanno più miti e invogliano a scoprire le piante orticole finora coperte dai veli svernanti. Sarebbe però importante non dimenticare di coprirle a fine giornata per proteggerle dalle gelate notturne.
  • Se vuoi proteggere le piantine, è fondamentale mettere il pacciame sulla superficie del terreno, ma fai attenzione a non metterne più che a sufficienza! Infatti una pacciamatura troppo fitta impedisce al terreno di evacuare il freddo e rischia di scottare le radici delle piante.
  • Per migliorare la qualità del tuo terreno, puoi continuare a migliorare i tuoi appezzamenti e gli orti utilizzando letame, compost o anche sovesci. Questa pratica apporta nutrienti al tuo terreno e migliora la tessitura del tuo terreno, che spesso viene compattato dalle piogge e dal freddo dell’inverno.

Detto questo, di questi tempi, devi pensare anche a concimare le tue piante,  utilizzando un tipo di fertilizzante molto particolare: l’urea.  È una combinazione di sostanze chimiche e organiche che è riuscita ad attirare l’attenzione di giardinieri e agricoltori!

Le caratteristiche e la composizione dell’urea (formula azotata al 46%) 

Se non lo sapete, cari lettori, l’urea è un fertilizzante organico benefico per il suolo e le piante perché le migliora fornendo loro azoto. Sebbene sia venduto in forma secca e granulare, è importante capire come utilizzare correttamente l’urea per evitare potenziali inconvenienti e sfruttare appieno i suoi benefici. Ma prima di tutto, non credi sarebbe più utile conoscere le caratteristiche e la composizione di questo fertilizzante? Scopriamolo insieme!

  • L’urea è un composto chimico con cristalli bianchi o gialli inodori.
  • È un integratore minerale concentrato con un alto contenuto di azoto che raggiunge il 46%.
  • L’urea offre una solubilità ottimale con un basso rischio di lisciviazione.
  • La sua lenta degradabilità unita all’elevata mobilità lo rende un fertilizzante molto efficace.
  • 1 kg di urea equivale a 3 kg di nitrato di sodio o 2,25 kg di solfato di ammonio.
  • Il suo effetto acidificante è notevolmente inferiore a quello del solfato di ammonio, il che lo rende ideale per terreni sabbiosi e argillosi.
  • Senza sali di acido solforico, il cloro presente nell’urea ha anche un effetto benefico sui processi microbiologici.
  • Utilizzabile in tutti i tipi di colture, l’urea si dissolve facilmente in acqua, rilasciando elementi chimici volatili per la crescita sana delle tue piante.

 

Come usare l’urea sulle piante?

Urea

L’urea è una vera alleata per tutti i tipi di terreno, ma per sfruttarla al meglio è necessario sapere quando e come utilizzarla.

Quando usare l’urea come fertilizzante?

Sebbene tu possa introdurre l’urea nel tuo  orto  in autunno, la sua efficacia potrebbe essere compromessa. Infatti, quando viene utilizzato in questo periodo, l’azoto rilasciato si decompone molto rapidamente sotto l’azione dei microrganismi. Inoltre, parte dell’azoto viene dilavato o penetra negli strati più profondi del suolo durante l’inverno, lasciando pochi composti azotati disponibili per la crescita delle piante in primavera. Tuttavia,  all’inizio della primavera, molti giardinieri  usano l’urea nel loro orto. Per un’applicazione efficace, ti consigliamo di applicarlo da 7 a 10 giorni prima della semina, depositandolo a una profondità di 6-8 centimetri. Puoi applicare questo metodo anche in un ambiente chiuso (in una serra o all’interno della tua casa).

Detto questo, per un’efficacia ottimale, ti consigliamo di applicarlo su terreni di torba leggermente acidi con un livello di umidità ottimale. Tuttavia è indispensabile interrare accuratamente in terreni a reazione neutra e alcalina per evitare qualsiasi perdita di azoto.

Come applicare correttamente l’urea come fertilizzante?

Quando si tratta di  nutrire le tue piante  con fertilizzanti azotati, come l’urea, devi anche considerare diversi tipi di fertilizzazione:

Fase di fecondazione

Metodo

Dettagli

Prima della semina Introduzione di granuli di urea I granuli vengono inglobati nei solchi durante l’aratura primaverile ad una profondità di almeno 4 cm.
Durante la semina Composizione combinata di fertilizzanti di urea e potassio Non mescolare pellet di fertilizzanti con semi e fornire uno strato di terreno in mezzo per garantire una crescita ottimale.
Durante la crescita Alimentazione fogliare Sciogliere l’urea in acqua e spruzzare le foglie la mattina presto o la sera tardi quando il tempo è calmo. Questa tecnica consente alle piante di assorbire i nutrienti in modo rapido ed efficiente.

Urea, fertilizzante agricolo: istruzioni per l’uso 

Usa l'urea come fertilizzante nel tuo giardino

Per determinare la quantità appropriata di urea da applicare, devi assolutamente tenere conto della struttura del tuo terreno, del suo contenuto di umidità, della modalità di alimentazione e delle condizioni delle tue colture. Si consiglia di rispettare le dosi specificate di seguito:

  • Per le colture orticole, versare da 3 a 4 grammi di fertilizzante nella buca durante la semina.
  • Per nutrire piante come pomodori, patate, cavoli, aglio, fragole o cetrioli, diluire da 25 a 30 grammi di urea in 10 litri di acqua (utilizzare 1 litro di soluzione per pianta).
  • Per il ribes utilizzare 20 grammi di urea per 10 litri d’acqua fino a quando i boccioli si gonfiano, mentre per l’uva spina 2 cucchiai sono più che sufficienti.
  • Per piante da fiore come giacinti, ippopotami, rose, iris e calle, utilizzare da 5 a 10 grammi per ogni metro quadrato.
  • Per alberi da frutto e arbusti ornamentali, spargere il fertilizzante  in un cerchio vicino al tronco lungo la sporgenza dell’intera chioma. Terminate quindi l’operazione interrandolo nel terreno e annaffiandolo bene. I giovani meli, invece, richiedono dai 140 ai 150 grammi circa di carbammide, mentre le prugne e le ciliegie ne richiedono solo dai 60 ai 70 grammi. I meli fruttiferi adulti richiedono circa 200-250 grammi, mentre le prugne e le ciliegie adulte richiedono fino a 130 grammi.
  • Per le colture di frutta e bacche, nutrire 5-7 giorni dopo la fine del periodo di fioritura, seguito da un secondo trattamento dopo 3-4 settimane (1 cucchiaio per secchio d’acqua).
  • Per la medicazione fogliare, fallo mattina e sera usando uno spruzzatore. Per la soluzione sciogliere un cucchiaio della sostanza in 10 litri di acqua.

Come diluire l’urea per utilizzarla in forma liquida nel proprio orto?

Spruzza le tue piante

Per superare le uova degli stadi svernanti dei parassiti pur avendo un debole effetto fungicida, ecco il nostro consiglio pratico per voi, cari giardinieri: irrorate il vostro giardino o orto con questa soluzione a base di urea all’inizio della primavera, prima del germogliamento, a il tasso di 800 grammi per 10 litri di acqua.

Come avrete capito, cari lettori, l’utilizzo dell’urea è fondamentale per nutrire le piante e gli spazi verdi sia interni che esterni. Permette una crescita più rapida, foglie dal colore più intenso e un raccolto più abbondante.