Essere bloccati su WhatsApp non è mai piacevole. Ma la cosa più inquietante è probabilmente il fatto di essere in preda al dubbio. Spesso ci poniamo la domanda: finché un contatto è in modalità silenzio radio o non risponde più ai nostri messaggi, è lecito chiedersi se c’è qualcosa che non va. Certo, per non ferire il tuo ego, immagini questo scenario solo come ultima risorsa. Ma per evitare di torturare la tua mente, è meglio essere chiari. Precisamente, ci sono alcuni segnali molto rilevanti che possono guidarti a chiarire questo mistero. Eccoli !

Come sapere se sei stato bloccato su WhatsApp?

Questa piattaforma di messaggistica istantanea a volte è spietata con alcuni utenti. In questione, la sua famosa opzione di blocco. Sì, lo sappiamo, chiunque può bloccarci a nostra insaputa. E nessuna notifica arriva per avvisarci quando questo accade. Diventare “persona non grata” dall’oggi al domani non è divertente. Ma devi prendere una decisione. D’altra parte, spesso è il dubbio che ci uccide. Perché c’è differenza tra avere dei sospetti e la convinzione di essere stati effettivamente bloccati. Pertanto, anche se non c’è mai una vera certezza, c’è un track record di segnali, alcuni più decisivi di altri, che possono guidarti in questa direzione. Niente più dubbi e confusione. Per fare la tua piccola indagine privata, il I seguenti trucchi ti aiuteranno a sapere se sei stato bloccato o meno su WhatsApp  da qualcuno dei tuoi contatti. Da notare, però, che gli indizi presentati da soli non garantiranno il vaso di rose, ma combinati tra loro, questo aumenta chiaramente la probabilità di un possibile blocco.

  • Non puoi vedere l’ora dell’ultimo accesso

Certo, l’applicazione WhatsApp offre un’opzione di privacy ai suoi utenti: è quindi possibile nascondere alcune informazioni, in particolare l’ora dell’ultima connessione. Ma, in alcuni casi, quando non riesci più a vedere l’ora o lo stato del tuo contatto, quando sono abituati ad essere attivi, questo può essere un’indicazione di un probabile blocco.

  • Non vedi più l’immagine del profilo

Allo stesso modo, se non hai più accesso alla sua immagine del profilo, è un segno piuttosto significativo. Almeno, lo è davvero se il contatto in questione ha l’abitudine di cambiare regolarmente la sua foto. Ovviamente, se è una persona discreta e preferisce ritirarsi per un po’, questo indizio non è così rilevante.

  • I tuoi messaggi inviati mostrano solo un segno di spunta

È uno dei segnali più popolari. Da prendere comunque con le pinze: a meno che tu non abbia il portatile spento, una pessima connessione o ti trovi in ​​una zona senza Wi-Fi o rete, è molto probabile che i tuoi messaggi non vengano letti da il tuo contatto. Detto questo, se scopri che rimangono con un singolo segno di spunta grigio per diversi giorni o addirittura settimane, non dovresti essere troppo sorpreso. Il dubbio non deve più assalirti: probabilmente sei stato bloccato.

A differenza degli indizi che ti abbiamo appena fornito sopra,  le seguenti indicazioni sono molto più conclusive .

  • La chiamata non va mai a buon fine

In verità, uno dei modi migliori per scoprire se sei stato bloccato o meno è contattare la persona che sospetti andando nella scheda Chiamate di WhatsApp. Se non riesci a stabilire una connessione in alcun modo, il tuo contatto potrebbe avere il telefono spento, non avere segnale o averti bloccato. Se insisti più volte per qualche giorno e la persona è irraggiungibile, i tuoi dubbi saranno giustificati!

  • Impossibile aggiungere questo contatto ai gruppi

Ecco la cartina di tornasole: prova ad aggiungere questo contatto a un gruppo. Se WhatsApp ti dice che si è verificato un errore e non sei autorizzato ad aggiungere quella persona a una chat di gruppo, allora hai la tua risposta. Sì, sei stato effettivamente bloccato.