La muffa invade troppo velocemente i bagni, la stanza più umida della nostra casa. Non è molto piacevole iniziare la giornata in uno spazio abitativo dove la freschezza non c’è! In questo articolo, ti mostreremo come affrontare la muffa sullo stucco delle piastrelle del bagno per ripristinare la freschezza di questa parte dei tuoi interni.

Sicuramente devi pensare in questo caso alla candeggina? Beh no ! Questa volta ti offriremo una combinazione che fa miracoli! Potrai eliminare e prevenire la formazione e lo sviluppo di questi funghi.

Muffa sulle piastrelle del bagno

Perché le fughe delle piastrelle si ammuffiscono e diventano nere?

La maggior parte della muffa è causata da un problema di umidità. Il tuo bagno ha una finestra? Approfittatene e ricordatevi di aprirlo il più spesso possibile.

La ventilazione è indispensabile dopo ogni doccia per purificare l’aria e far uscire i vapori d’acqua, il cui ristagno favorisce la comparsa di annerimenti sulle fughe delle piastrelle.

Bagno con finestra

I pericoli dell’umidità a lungo: eliminare la muffa è prendersi cura anche della propria salute

Le muffe, infatti, si moltiplicano emettendo spore nell’atmosfera delle stanze della tua casa. Se sei una persona sensibile, l’inalazione di questa umidità può causare irritazione alle vie respiratorie nel tempo.

Come rimuovere la muffa dalle fughe delle piastrelle? Addio strisce nere!

Per lavare le fughe del bagno o anche della cucina

La formula più comune in questo caso è mescolare in una ciotola, acqua tiepida e un cucchiaio di detersivo per piatti. Successivamente strofinare le fughe delle piastrelle con la soluzione ottenuta utilizzando uno spazzolino usato. Quest’ultimo ti consentirà di accedere più facilmente a tutti gli angoli.

Sei d’accordo, la cosa più difficile è pulire sempre gli angoli! Non è questo ?

Che ne dici di rimuovere le macchie ostinate di muffa?

Per una maggiore efficienza, ecco una ricetta più completa, mescola 1/2 tazza di bicarbonato di sodio, 1/4 di tazza di perossido di idrogeno e 1 cucchiaino di detersivo per i piatti.

La pasta che si otterrà dovrà poi essere applicata sulle fughe delle piastrelle annerite. Lasciare agire per circa 20 minuti, risciacquare e poi asciugare con phon, se necessario. Infine, scegli un panno in microfibra pulito per rimuovere la pasta in eccesso.

Inoltre, è utile ricordare che la muffa può portare nel tempo al deterioramento del silicone nelle fughe, che col tempo si stacca.

Che tu abbia piastrelle in pietra, porcellana o ceramica, il metodo di pulizia rimane lo stesso.

Scopri di più sui benefici dei prodotti da utilizzare: il bicarbonato, un efficace smacchiatore!

Il bicarbonato di sodio è un eccellente prodotto naturale per pulire e strofinare la maggior parte delle superfici eliminando le macchie di grasso.

Sapevi che può essere utilizzato anche in altri modi? Il bicarbonato di sodio può alleviare il bruciore di stomaco, sopprimere il possibile alitosi e alleviare le punture di insetti. Questo indispensabile deve essere assolutamente sempre a portata di mano, nel tuo kit di sopravvivenza!

E dal lato del perossido di idrogeno, quali sono i suoi vantaggi?

Questo è il nuovo nome del perossido di idrogeno. Questo ingrediente è la chiave della ricetta, perché combatte efficacemente contro il marciume radicale. Favorisce il drenaggio e previene i ristagni idrici su terreni pesanti e compatti.

O come semplici soluzioni naturali possono superare gravi problemi quotidiani, vale a dire le macchie di muffa!

Come sbiancare le fughe delle piastrelle nel tuo bagno? Al limone ovviamente!

Prodotti da usare ed evitare sotto la doccia: attenti a non spogliarvi troppo!

L’aceto bianco viene utilizzato anche per la pulizia dei bagni, ma in questo caso può avere effetti opposti, essendo ad esempio troppo aggressivo per le fughe in silicone.

Ricorda in questo caso di ricoprire le fughe delle piastrelle del tuo bagno, succo di limone , prima di applicare la pasta di cui sopra.

Estrarre il succo da diversi limoni

Ma qual è il vero segreto soprattutto per un effetto duraturo?

Ottima ventilazione

Tutto questo sarà efficace se e solo se la tua stanza bagnata impiega del tempo per asciugarsi bene tra un utilizzo e l’altro. L’umidità non deve entrare!

Tra ogni doccia, ventilare, asciugare e asciugare. Il che non è facile, soprattutto se hai figli, ma ci fidiamo di te!

È quindi importante aerare bene il proprio bagno installando, se già non è così, una VMC (ventilazione meccanica controllata) , abbinata ad una finestra, la ventilazione sarà ancora migliore!

Siete gli unici giudici a sapere se è il momento di dare una spinta “fresca” al vostro bagno! Quindi è necessario?

Dopo aver seguito questi consigli e trucchi da applicare il più spesso possibile, il tuo bagno ritroverà la sua freschezza! I tuoi risvegli non saranno più gli stessi, felici di ritrovarti all’inizio della giornata in uno spazio pulito e sano.