Tutti preferiamo gustare il pane buono, caldo e croccante, appena uscito dal forno. Ma una volta che si è indurito e ha perso la sua consistenza morbida all’interno, consideriamo immediatamente di buttarlo via. È sbagliato! Sapevi che il pane raffermo può essere facilmente riciclato e ti permette di preparare ricette sfiziose e originali? Sarebbe un peccato sbarazzarsene troppo in fretta, quando si potrebbero ancora godere dei suoi benefici e risparmiare qualche soldo. Ecco cosa puoi fare con esso!

Conservare il pane in frigorifero

Come riciclare il pane secco e raffermo?

Se prodotto senza conservanti (solo farina, lievito, acqua e sale), il pane si conserva meglio del pane trasformato e può durare più a lungo . Ma dopo qualche giorno di conservazione in cucina si indurisce e diventa meno appetitoso. Sfortunatamente, nella maggior parte dei casi, finisce nella spazzatura. Tuttavia, anche secco, ha comunque proprietà salutari che puoi ampiamente sfruttare. Invece di considerare sistematicamente di buttarlo via, perché non riciclarlo e trasformarlo in un delizioso pangrattato italiano? Non c’è niente come preparare in casa il proprio pangrattato per averne sempre un po’ a portata di mano!

Ecco i passi da seguire:

  1. Controlla il tuo pane raffermo per i punti verdi. Se non c’è la minima traccia di muffa, tagliala a pezzetti.
  2. Metterli nel frullatore e mescolare bene fino a formare delle briciole.
  3. Una volta che il pane è ben sbriciolato, condire con sale e pepe a piacere. Per un gusto tutto italiano, aggiungete erbe aromatiche essiccate (non usate erbe fresche, perché il composto deve rimanere asciutto).
  4. Quindi distribuire il pangrattato in uno strato sottile su una teglia.
  5. Cuocere a fuoco basso fino a completa asciugatura.

Questo pangrattato può essere conservato per diversi mesi. Sarà utile per tutti i tipi di frittura, come formaggio o crocchette di pollo. Ma anche per preparare polpette di zucchine, pomodori ripieni al forno o tempura di gamberi.

Buono a sapersi : prima di iniziare la ricetta della panatura, fate molta attenzione a controllare che non ci sia muffa nel pane. Se è già ammuffito, dovrebbe essere gettato via immediatamente, in quanto rappresenta un serio rischio per la salute. Altra regola importante: assicurarsi che il pangrattato sia completamente asciutto prima di riporlo in un contenitore ermetico. Se c’è umidità, la muffa si formerà rapidamente.

Altre due ricette facili e originali con il pane duro

Siamo tutti d’accordo sul fatto che il pane duro è tutt’altro che allettante. Ma non ti viene chiesto di consumarlo così com’è adesso. Finché lo fai, perché non dargli una seconda vita per gustarlo in modo diverso? Sorprendentemente, ci sono una serie di alternative per abbellire il tuo pane duro e raffermo. Tutto quello che devi fare è dargli un po’ di sapore con una nuova consistenza. Con le seguenti ricette sarai sicuro di non sprecarlo mai più!

Ricetta 1: griglialo

È una soluzione molto semplice, ma che molte persone non considerano. Basta tostare il pane raffermo e voilà! Non ti accorgerai nemmeno che in origine era più duro. Distribuisci abbastanza burro e aggiungi i tuoi condimenti preferiti.

Crostini di pane

Ricetta 2: preparate dei crostini di pane

Per impreziosire le tue insalate e le tue zuppe, non avrai più bisogno di acquistare crostini industriali! Con il tuo pane raffermo, puoi prepararli velocemente a casa. La tecnica è molto semplice: tagliate il vostro pane a pezzi oa cubetti, secondo la vostra convenienza. Quindi buttarli in una ciotola con un po’ di olio da cucina, mescolare delicatamente e condire. Quindi stenderli su una teglia da infornare a 190°C. Lasciate cuocere per 5 minuti. Riportali sulla teglia e cuoci per altri 5 minuti. E questo è tutto, puoi conservarli in un contenitore ermetico per diversi giorni.

Hai pensato al toast alla francese? I bambini lo adorano!

Che sia a colazione, a merenda o per calmare un po’ di languorino, la ricetta del toast alla francese della nostra infanzia soddisfa sempre le papille gustative. In più, questa deliziosa ricetta è facile da preparare: vi serviranno alcune fette di pane raffermo, 2 uova, 2 bicchieri di latte, 2 cucchiai di zucchero (o cannella), 1 bustina di vaniglia, una noce di burro.

  • In una ciotola, sbattere tutti gli ingredienti (uova, latte, zucchero e vaniglia) fino a ottenere un composto omogeneo.
  • Intingete le fette di pane in questa preparazione.
  • Bagnatele bene girandole da ogni lato.
  • Prendi una padella, sciogli il burro e adagiaci alcune fette di pane per farle dorare davanti e dietro per 5 minuti.
  • Servire caldo nel piatto con sciroppo d’acero o miele.

Come rinfrescare il pane raffermo?

Lo sapevi che è anche possibile rinfrescare il tuo pane raffermo per renderlo nuovamente morbido ? Per questo piccolo trucco, dovrai usare il microonde. Per prima cosa prendete un foglio di carta assorbente (tovagliolo di carta), bagnatelo e avvolgetelo attorno al pane raffermo. Quindi mettilo nel microonde per scaldarlo a fuoco alto per dieci secondi. Verificarne lo stato o ripetere l’operazione fino ad ottenere il risultato desiderato.