In questa stagione autunnale il freddo si fa piano piano e in molte case il riscaldamento è sempre acceso. Tuttavia, si consiglia di spegnerlo di notte, non solo per motivi economici e ambientali, ma anche per la propria salute.

Il costante cambiamento di temperatura, l’acqua calda sotto la doccia e l’aria secca possono seccare la pelle durante i mesi invernali e causare qualche disagio.

Il riscaldamento acceso provoca mal di testa

Accendi il riscaldamento

Una delle alternative per ridurre la sensazione di freddo intenso è l’utilizzo di stufe elettriche. Tuttavia, anche se il termosifone è utile per riscaldare la stanza, può anche causare disagi.

Se ti svegli al mattino con un lieve mal di testa, potrebbe essere perché  il riscaldamento è rimasto acceso  tutta la notte. Il corpo perde fino a 0,75 litri di liquidi a notte durante il sonno.

Questo valore diventa ancora più alto quando ci si trova in una stanza riscaldata. La mancanza di liquidi può quindi farti svegliare con mal di testa o una sensazione di malessere perché il cervello non è più sufficientemente rifornito di ossigeno.

Spegni il riscaldamento di notte e assicurati di rimanere idratato durante il giorno durante i mesi invernali per evitare la disidratazione durante la notte.

Cosa può succedere quando l’umidità è troppo bassa

Nelle stanze riscaldate, capita spesso che l’umidità sia troppo bassa. Meno del 50% provoca l’essiccazione delle mucose.

Se l’umidità è costantemente troppo bassa, cosa che può accadere in una stanza riscaldata, le mucose secche sono suscettibili a molti agenti patogeni.

Qual è la temperatura ottimale nella stanza?

Un termosifone in camera da letto

Per avere un sonno ristoratore, la temperatura dovrebbe essere compresa tra 15 e 18 gradi Celsius. Questo può essere facilmente determinato o regolato con un  termostato.  Prima di andare a letto: spegnere il riscaldamento e aerare la stanza per dieci minuti. In questo modo si evita la mancanza di ossigeno e umidità.

Se l’aria nella stanza è ancora troppo secca, puoi usare semplici rimedi casalinghi come mettere una ciotola d’acqua sopra il termosifone o un asciugamano umido sopra.

Se di notte spegni il riscaldamento, non solo dormi meglio, ma risparmi anche sulla bolletta energetica.

Semplici consigli per risparmiare sui costi di riscaldamento

Sullo sfondo della crisi economica e del cambiamento climatico, molti sono alla ricerca di modi per risparmiare energia. Ecco alcuni suggerimenti su come risparmiare sui costi di riscaldamento.

  • Spurga il radiatore in modo che non gorgogli.
  • Evitare mobili e tende davanti al termosifone.
  • Quando sei assente, abbassa semplicemente la temperatura del riscaldamento.
  • Evitare grandi fluttuazioni di temperatura.

È inoltre necessario aerare di tanto in tanto piuttosto che  lasciare le finestre aperte  per lungo tempo. Inoltre, dovresti tenere chiuse le porte tra le stanze più calde e quelle più fredde. In camera da letto, una temperatura più bassa rispetto alla cucina o al soggiorno è solitamente sufficiente per sentirsi a proprio agio.