Quando la stagione inizia a cambiare, le giornate calde e belle se ne vanno per iniziare a transitare nelle giornate invernali più fredde e anche piovose, e stiamo cambiando le abitudini in cui tendiamo a rinchiuderci e condurre una vita più al chiuso. Pertanto, modificheremo inevitabilmente qualcosa nelle nostre case in modo che la nostra vita domestica sia più piacevole, e per questo uno dei fattori più comuni che cambieremo saranno le nostre piante da interno.

Le piante assumono un alto livello di importanza in questi periodi, non solo perché le useremo come semplici prodotti decorativi, ma conosciamo anche le loro qualità in termini di purificazione dell’aria o regolazione degli spazi umidi e ovviamente la grande gioia che ci offriranno.

Ecco perché di seguito, ti forniremo una breve guida alle migliori piante da avere in casa e goderne durante tutto l’anno.

 

1 – Monstera o costola d’Adamo

La deliziosa Monstera è una delle più ricercate per arredare gli spazi interni. Ha questo nome perché le sue foglie sono a forma di costola, hanno una dimensione insolita e presentano dei buchi, a cui si aggiunge un frutto che se mangiato ha un sapore simile all’ananas. Di facile manutenzione e molto decorativo. Il posto migliore per posizionarlo è in luoghi caldi ma senza luce solare diretta. Come consiglio da tenere a mente, dovresti posizionarlo in alto se hai animali domestici, perché è tossico per animali domestici e bambini.

2 – Anthurium rosso

Questa pianta è bellissima non solo per la sua bellezza ma anche perché dentro casa ci regalerà bellissimi fiori rossi . Non necessita di molte cure, basta dotarla di una posizione vicina ad una finestra, ma che non prenda il sole diretto perché danneggerebbe i suoi fiori e le annaffiature dovrebbero essere moderate, evitando sostanzialmente ristagni.

3 – Bromelia

Le foglie della bromelia sono molto particolari perché crescono come se fossero una rosetta. Sono curvati verso l’interno e si sovrappongono l’uno sull’altro, formando una cavità. Sono piante molto resistenti e forti, richiedono molta luce ma mai sole diretto. Non hanno quasi radici e l’irrigazione dovrebbe avvenire attraverso le foglie e facendo sempre attenzione che l’acqua non si accumuli nelle foglie a causa del loro formato. La spruzzatura è la più consigliabile per le bromelie.

4 – Adianto

Questa pianta è anche conosciuta come capelvenere ed è una varietà di felce. Questa pianta va posizionata in luoghi dove non c’è molta luce, lontano da correnti d’aria e poiché sono tropicali richiedono umidità. Quindi è consigliabile averla in luoghi umidi e fornirli di irrigazione e spruzzare anche sulle loro foglie.

5 – Sansevieria

Conosciuta anche come lingua di tigre, lingua di suocera, lingua di gatto o spada di San Giorgio . Le sue foglie crescono fino a 40 o 50 cm di altezza. Richiede abbondante luce e poca irrigazione. È una pianta molto facile da coltivare che sopporta alte e basse temperature. Ha foglie erette verde tigrato con bordi giallastri. È anche noto per assorbire le impurità e pulire l’aria.

6 – Filodendro

È una pianta erbacea e rampicante dotata di radici aeree che favoriscono l’arrampicata. Le sue foglie sono di colore verde brillante e lobate. Sono considerate piante ornamentali perché si adattano molto bene alla mezz’ombra o ad ambienti con luce artificiale. La sua moltiplicazione avviene per talea e richiedono un terreno con molta umidità, evitando ristagni idrici.

7 – Calatea

La Calathea è una pianta da interno che ha foglie molto vistose per la forma che ha. Ha bisogno di molta chiarezza, ma non di sole diretto. Richiede abbondanti annaffiature, evitando sempre ristagni. Per i mesi freddi è consigliabile distanziarli. Se noti che le punte delle sue foglie stanno diventando marroni, la pianta ti sta dicendo che l’ambiente è troppo secco, quindi dovresti invertire la tendenza con una spruzzatura regolare.